Calli da allenamento sulle mani: come rimediare

calli da allenamento: come comportarsi

Ti prepari al prossimo esercizio. Lo spolverio della magnesite nell’aria è come una nuvola di gloria.
Fletti le dita, stringi la presa – e sei costretto a fermarti, perchè uno dei tuoi calli da allenamento è saltato e sul palmo della mano si è aperta una dolorosa spaccatura.
Ouch.

Congratulazioni, hai fatto conoscenza con la scocciatura che accomuna crossfitter, calistenici, pesisti e strongman: le spaccature sulle mani , dovute a calli da allenamento e vesciche che a volte si rompono – e sanguinano.
Sangue e gloria, d’accordo, ma bruciano tantissimo e possono diventare un problema: oltre a essere un ostacolo per l’allenamento (e a fare un gran male) possono essere d’intralcio se le mani ti servono per lavorare, sia che tu debba impastare pizze o stringere molte mani durante le riunioni di lavoro. Per non parlare di quando la dolce metà ti chiede un massaggino alle spalle.

Se cerchi consigli per limitare il problema, ma anche se vai fiero del sangue sparso su sbarre e kettlebell, eccoti qualche consiglio per prevenire, oltre che curare, le tue ferite di guerra.

Scarica l'app di FitStadium e allenati con noi

Andiamo con ordine.
Perché vengono vesciche e calli da allenamento?
La pelle si difende dallo stress da sfregamento creando cuscinetti pieni di siero, le vesciche,  oppure attraverso un progressivo ispessimento di pelle secca: il callo. E anche le callosità, se trascurate, alla lunga possono spaccarsi e sanguinare.
Il problema non è tanto (o non solo) il dolore del momento, ma soprattutto il rischio di infezioni date dal contatto di una ferita aperta con le superfici non esattamente sterili degli attrezzi di palestre, parchi o box.

 

Se ti alleni duramente, hai due possibilità:

Numero uno, durante l’allenamento ti proteggi le mani con guanti o taping apposito. So che è una soluzione che fa storcere il naso a molti, poco propensi a perdere presa e sensibilità; ma se hai particolare bisogno di proteggerti le mani (magari sei un massaggiatore..!) in commercio esistono parecchie soluzioni, e almeno una delle varietà di guanti da allenamento farà al caso tuo.

Opzione numero due, coltivi amorevolmente i tuoi calli in modo che lavorino per te, e non contro di te.
Se sei un principiante dovrai dare alle tue mani il tempo di abituarsi al lavoro pesante, mentre se sei un veterano probabilmente sei già “attrezzato”. L’obiettivo è arrivare ad avere mani che siano un po’ callose, ma dalla superficie liscia e uniforme, in modo che non ti diano fastidio durante gli esercizi.

calli da allenamento, come prevenirli e trattarli

Come fare?

  1. Pietra pomice & co. Di tanto in tanto usa la pietra pomice sotto la doccia, per uniformare la superficie delle mani quando l’acqua le avrà ammorbidite.
  2. Idratazione. Non è un vezzo: quando è secca e ispessita la pelle è anche meno elastica, quindi più fragile. Perciò la sera metti sulle mani un po’ di crema idratante e lasciala agire durante la notte: aiuterà a mantenere l’elasticità e a limitare screpolature e tagli.
  3. Se usi la magnesite per migliorare la presa, cerca di non metterne troppa e sciacquati bene le mani quando hai finito: disidrata tantissimo. C’è anche chi consiglia di spargerla sopra un sottile strato di lubrificante (oltreoceano va forte il BodyGlide usato dai corridori – ma vale la pena provare con della normale crema idratante): trattiene la polvere ma forma una barriera che protegge la pelle al di sotto.
  4. Migliora la tua presa. E’ importante afferrare con forza l’attrezzo o la sbarra, ma farlo nel modo giusto limiterà i danni. Durante le trazioni, per esempio, la sbarra non dovrebbe appoggiare contro il centro del palmo ma alla base delle dita. Online si trovano spiegazioni con tanto di fotografie.
  5. Non c’è bisogno di dirti di togliere qualsiasi tipo di anello durante l’allenamento, vero..?

Se il danno è fatto e stai già sanguinando, la prassi è la stessa che seguiresti per qualsiasi ferita cutanea: lavati subito con acqua calda corrente e sapone, asciugati bene e poi disinfettati prima di sigillare il taglio con un cerotto.
Per continuare ad allenarti puoi attutire l’impatto doloroso sulle mani con una leggera imbottitura. Poi…aspetta che il taglio guarisca, e nel frattempo mantienilo pulito e disinfettato.

E magari, tieni in mezzo all’attrezzatura da allenamento quel che ti serve per la cura delle mani.
La gloria passa anche da un tubetto di crema.

Share This:

Share This: