Allenamento outdoor: guida di sopravvivenza per allergici al polline

allenamento all'aperto: guida di sopravvivenza per allergici al pollline

Anche se con qualche battuta d’arresto, la primavera è arrivata;  forse anche tu hai ricominciato ad allenarti all’aperto, o magari non hai mai smesso e hai sfidato le intemperie per tutto l’inverno.

In ogni caso, la la bella stagione porta con sé una complicazione in più, almeno per qualcuno.

Sto parlando dei  pollini.Per gli allergici al polline, fare attività al parco o dovunque ci siano piante in fiore può essere un problema peggiore della pioggia: gli occhi che bruciano e il naso che cola abbatterebbero l’entusiasmo di chiunque.

Ecco allora qualche consiglio per non farsi fermare dalla primavera.

  • Conosci il tuo nemico: se sai quali sono le piante che ti provocano reazione allergica potrai agire di conseguenza. Tieni d’occhio il periodo di fioritura grazie al sito dell’Arpa della tua regione o al portale PollNet e preparati al periodo critico curandoti in anticipo.
  • Evita il contatto: il polline tende ad attaccarsi a capelli e vestiti, quindi indossa un cappello  e sciacquati appena rientri a casa. Gli occhiali da sole o da corsa serviranno a proteggere gli occhi, mentre se il problema è particolarmente acuto una mascherina metterà al riparo le vie respiratorie.
  • Occhio alle condizioni atmosferiche. Una giornata calda, soprattutto se c’è vento, creerà molti più problemi di una giornata piovosa; proprio come le polveri sottili infatti il polline tende a posarsi con l’umidità. Anche l’ora del giorno può essere un fattore da tenere in considerazione; al mattino presto ci sono in circolazione più pollini che nelle ore centrali della giornata.
  • Tieni conto delle distanze. Più ti sposterai e maggiore sarà la quantità di polline con cui entrerai in contatto; tienine conto se fai corsa o bike.
  • Se la situazione è proprio critica, cambia location: se ti è possibile, un’ottima alternativa è la spiaggia. Oppure, rimanda ancora di qualche settimana e continua ad allenarti a casa o in palestra ancora per un po’.

 

Share This:

Share This: